Chi è Online

Attualmente vi è 1 ospite online.

Conettiti con :

Commenti  [vedi]

Al momento non vi sono commenti.

COLTIVAZIONE LEGALE

(translate me)


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla stagione agraria 1998 la coltivazione della canapa è consentita in Italia per gli agricoltori, nel rispetto delle seguenti condizioni:

  • la coltivazione deve essere inserita nella denuncia PAC

  • deve essere seminata canapa di una cultivar compresa nell’elenco europeo delle varietà con tenore di THC inferiore allo 0,2%, certificata dal cartellino rilasciato dall’ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette)

  • all’emergenza delle piante, comunicazione della coltivazione alla più vicina stazione delle Forze dell’Ordine (Carabinieri, Polizia, Finanza, Forestale)

  • il quantitativo di seme impiegato non deve essere inferiore ai 35 kg per ettaro

  • l’agricoltore deve avere stipulato contratto di coltivazione con un primo trasformatore autorizzato (Assocanapa srl è autorizzata alla prima trasformazione)

  • la resa in bacchetta secca ottenuta non deve essere inferiore ai 15 q.li per ettaro.

Controlli amministrativi
Ogni anno su un campione di colture di canapa viene eseguito d al CRA CIN di Bologna controllo per verificare il tenore di THC contenuto. L’eventuale sforamento del limite dello 0,2 non comporta provvedimenti a carico dell’agricoltore ma la segnalazione dello sforamento al Ministero e all’UE per il monitoraggio della varietà.

Controlli delle Forze dell’Ordine
Nel contesto delle azioni antidroga sono sempre possibili controlli delle coltivazioni da parte delle Forze dell’Ordine ma non sono da temere da parte degli agricoltori se le procedure prescritte sono state rispettate e la documentazione (cartellino ENSE, fattura di acquisto del seme, contratto di prima trasformazione) è conservata regolarmente.

Novità in arrivo
Assocanapa ha da tempo richiesto al MIPAF di eliminare perchè non più utili: l’obbligo di impiego di un quantitativo minimo di seme, l’obbligo di una produzione minima e il contratto con il primo trasformatore. Ridurrà inoltre a 1000 mq la superficie minima da coltivare da parte dei suoi associati. Presso il MIPAF è stato insediato a maggio 2009 un Gruppo di lavoro interministeriale di cui fa parte anche Assocanapa, per studiare le modifiche da apportare alla normativa italiana.


 

Il tuo indirizzo IP è: 54.236.62.49
VISION SEED BANK
Content

PROGETTO CULTURALE
NO-PROFIT
NONNA MI RACCONTI LA CANAPA?

your alt text here